Articolo precedente

venerdi 26, sabato 27, domenica 28 agosto 2016

Giorni duri per noi grandi, meno per i bimbi che sono stati raggiunti dagli amici Cinquemani anche loro alla fine delle loro vacanze con la loro barca in secca accanto alla nostra. I bimbi come sempre stanno bene, sanno inventarsi giochi con niente, così vagano per il canitere-campeggio alla ricerca di materiali strani, spesso nocivi e a volte giocano con Pepper inseguendo asinelli o tartarughe.Noi si lavora, io faccio più pause che manovalanza, ma sono davvero stanca e l’umore non è dei migliori. Anche se faticavo a stare in barca, mi rendo conto che la vita a terra è un’altra cosa. Smonta, scarica, lava, stendi, carica, butta, piega, sistema, aggiusta….due giorni così e non si va certo migliorando. Ci aspetta il viaggio in traghetto e l’arrivo a Costa.

img_20160826_084525 img_20160826_084715 img_20160827_091412 img_20160827_120654 img_20160827_194626 img_20160827_150311 img_20160827_150306 img_20160828_080717

Sabato mattina andiamo di nuovo a vedere Shibumi, volevamo dare un occhio a una serie di cose di cui ci siamo fatti una lunga lista durante le vacanze. Poi la salutiamo con l’inognita di sapere se fosse un arrivederci o un addio.
La sera l’ultima cena greca dalla taverna di fiducia, nonchè l’unica: Panos. Una bella tavolata tutti insieme gli equipaggi di Naos e Hale Bopp, un altro magico tramonto.img_20160827_200255 img_20160827_200624

 
La domenica salutiamo Naos,anche per lei ci poniamo lo stesso quesito: chissa se sarà un arrivederci o un addio….facciamo tappa fissa al nostro spiaggione di fiducia e poi dritti verso Igoumenista dove ci aspetta il nostro traghetto per Bari e il viaggio della speranza per tornare a casa.
Anche questi due mesi sono volati, la mia pancia ne è testimone, grandi cose ci aspettano al ritorno e l’entusiamo non ci molla.

Articolo precedente